Insieme nel bisogno

Il contributo di Fondazione Comunitaria Nord Milano nell’emergenza Covid-19

  •   28 Settembre 2020

L’emergenza Covid-19 ha determinato l’avanzare di un’altra emergenza, che ancora riguarda tante persone e famiglie sul territorio: quella sociale. Ai nuclei e persone singole che già si trovavano e vivevano in una situazione di povertà, si sono aggiunti anche nel territorio dell’hinterland milanese tanti soggetti che traevano il proprio reddito da lavori atipici o precari o in settori che non hanno potuto operare nel periodo di lockdown.

Con il contributo di Fondazione Comunitaria Nord Milano, Società di San Vincenzo de Paoli ACC Milano ONLUS, da sempre attiva con interventi concreti nelle situazioni di povertà, ha potuto sostenere i bisogni emergenti nelle famiglie e  persone  di ben 5 Comuni nell’hinterland milanese in cui è presente: Bollate, Bresso, Novate Milanese, Cormano e Sesto San Giovanni.

E’ stato infatti realizzato il Progetto Insieme nel bisogno per intervenire nell'emergenza con un sostegno diretto e immediato. Grazie al Progetto sono state raggiunte ben 250 Famiglie con 250 Buoni spesa (gift card) acquistate con il contributo di Fondazione Comunitaria Nord Milano e distribuiti per un aiuto concreto e diretto nella spesa alimentare e per integrare con prodotti freschi l'alimentazione delle famiglie e persone in difficoltà.

Un intervento non solo immediato ma che ha dato sollievo e un forte segno di presenza,  un aiuto diretto alle situazioni di maggior disagio che possono, se non accompagnate, determinare l’ulteriore aggravarsi di situazioni già problematiche nei territori di riferimento del progetto.  

In particolare, l’emergenza sanitaria ha portato le Conferenze a riorganizzare il loro aiuto alle famiglie nel bisogno nel rispetto della normativa e a rivolgere lo sguardo sia alle nuove situazioni che si sono presentate che a come poter rendere efficace l’aiuto. 

Da Cormano una testimonianza: Abbiamo avuto modo di toccare con mano realtà molto tristi, la quasi totalità dei nostri assistiti fa lavori precari e con la chiusura totale di tutte le attività molte famiglie, soprattutto con bambini si sono trovate nella più totale indigenza, la stessa situazione si è verificata con i nuovi assistiti che fino ad ora non avevano richiesto il nostro aiuto.

Attraverso le gift card si è potuto, in particolare, dare la possibilità alle persone di integrare la propria alimentazione con prodotti che non avrebbero altrimenti potuto reperire, dando loro l’opportunità concreta di acquistare anche frutta, verdura e prodotti freschi. Un segno di vicinanza e di sostegno, ma anche di fiducia e autopromozione umana che ha responsabilizzato chi era in difficoltà nel poter procedere in autonomia ad acquisti essenziali.